No alla privatizzazione dello spazio pubblico

Ancora attacchi all’attuale assetto di Viale Gottardo e ai parchi di Città Giardino:

NO alla privatizzazione dello spazio pubblico

Non sono bastate una delibera di giunta dello scorso  novembre (in allegato) e le dichiarazioni confermative rese dall’arch. Silvestri, direttore di direzione dei lavori di riqualificazione del mercato, nell’assemblea pubblica del 12 maggio: ancora attacchi sia all’attuale assetto  di viale Gottardo che ai parchi pubblici.

Quattro esercenti di Viale Gottardo che, come da loro definizione, “operano nella somministrazione  e manipolazione  di cibi e bevande in orario mattutino, pomeridiano e notturno” si sono costituiti in un comitato “Comitato Gottardo” e hanno scritto una nota alla Presidente della giunta Roberta Capoccioni per presentare delle istanze che sintetizziamo di seguito.

  1. La nota torna alla carica sull’estensione del marciapiede del viale:  l’estensione fornirebbe ai locali uno spazio esterno dove collocare i tavolini e  “migliorare l’attività economica degli stessi”. Con  una premessa molto ampia equipara in modo improprio il diritto alle attività commerciali (ponendo al centro l’ottimizzazione dei loro profitti quasi fosse un diritto soggettivo) alle esigenze dei residenti, in nome di un presunto “benessere collettivo comune” ritenendo la loro attività una valorizzazione del territorio e dunque a beneficio dei residenti: si fa presente che la congestione del traffico notturno sulla strada e vie limitrofe testimonia che la gran parte degli avventori dei locali viene da fuori il quartiere, dunque non sono certo i  residenti al centro della richiesta bensì interessi commerciali del tutto soggettivi;
  2. I gestori dei quattro esercizi propongono di stipulare loro stessi un Contratto con Istituto vigilanza privata: significherebbe, in buona sostanza, legittimare in qualche modo la forza pubblica a lasciare definitivamente la nostra zona che passerebbe di fatto sotto un controllo privato  e subordinato ad interessi commerciali personali poco in linea con la sicurezza pubblica; parimenti  propongono l’istituzione a loro spese di cosiddetti ausiliari del traffico: ribadiamo che  i parcheggi di viale Gottardo sono pubblici  e non possono essere gestiti da privati. Oramai nelle ore serali e notturne è continua la sosta in doppia fila proprio perché i parcheggi non sono sufficienti : non servono ausiliari del traffico  privati ma occorrono piuttosto contravvenzioni da parte di vigili non solo per le vetture in sosta vietata o doppia fila ma anche per quelle contromano. La proposta è evidentemente strumentale ai soli interessi privati dei gestori.
  3. Chiedono inoltre di poter utilizzare uno dei parchi dell’area per la somministrazione e per eventi serali e notturni offrendo  in cambio la pulizia degli stessi: sposterebbero il caos da un punto all’altro del quartiere invadendo i parchi, vicini alle abitazioni,  di bottiglie, bevitori notturni ed eventi vari. Dunque i residenti, che hanno diritto a frequentare parchi puliti e manutenuti quotidianamente, attendono da anni invano  (parco Bolivar Montesacro chiuso da febbraio 2016 e riaperto da poco , Giardini via Maiella Stelluto privo di manutenzione ordinaria ed area giochi  da anni) mentre quattro esercenti commerciali chiedono con molta disinvoltura di poter esercitare le loro vendite in questi luoghi “nei mesi primaverili estivi” quasi fossero una sorta di pertinenza . Il parco Bolivar  – Monte Sacro , ha già vissuto l’esperienza  di essere “messo a profitto privato” nell’estate 2014, allorquando numerosi eventi serali e notturni (IFEST, 10 gg di festa Legambiente Mondi possibili) hanno dimostrato che in cambio di una manutenzione ordinaria (cui abbiamo diritto e che è fortemente carente da sempre) si concedeva di fatto un’area pubblica destinandola, sempre in nome di un presunto benessere collettivo e di cultura, a profitto privato prevalente.

Il comitato di quartiere Città Giardino ha chiesto formalmente alla presidente della  giunta Roberta Capoccioni di lasciare inalterato l’assetto di viale Gottardo mantenendo l’impegno assunto con la cittadinanza  nella delibera dello scorso novembre e  di non concedere i parchi per fini privati del genere quali quelli suesposti, né di agevolare in nessun modo iniziative volte a potenziare possibili rischi di sicurezza e di turbamento della quiete pubblica , già esistenti e segnalati da tempo nel nostro quartiere. La salute pubblica, di cui il riposo è parte fondamentale, è un diritto garantito costituzionalmente e pertanto in ogni caso prevalente rispetto alla libera iniziativa economica, pur meritevole di tutela, ma  con i limiti suesposti. Vi invitiamo ad essere solidali con la nostra iniziativa.

conv_giu_del_25_11_2016_direttiva giunta mercato

istanza 4 esercenti viale Gottardo

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Attività del Comitato e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...