OSP – Le associazioni per una città Vivibile scrivono al Sindaco e ai Presidenti dei Municipi I II III e XV

No alla proroga delle deroghe concesse fino al 31 Dicembre

La scorsa settimana 20 associazioni rappresentative dei residenti della Città storica hanno inviato una lettera al Sindaco e all’Assessora per le attività produttive, nonché ai Presidenti dei, Municipi 1,2,3 e 15 circa l’ipotesi di una proroga delle deroghe concesse fino al 31 dicembre 2021 ai ristoranti e bar per l’occupazione di suolo pubblico, nell’ambito dell’ipotizzato rinnovo dello stato di emergenza. 

In primo luogo esse segnalano che la situazione sanitaria ed economica è nel frattempo molto migliorata; che oggi la politica del green pass consente la fruizione dei servizi, anche di ristorazione, dai cittadini vaccinati, mentre nuovi rischi di contagio potrebbero derivare da dehors quasi totalmente chiusi, accessibili come già osserviamo oggi, da cittadini non vaccinati.

In un’area già gravemente colpita dal fenomeno della mala movida, l’attuale scenario di deroghe ha dato un forte impulso agli assembramenti e all’espansione abusiva, amplissima, sia della superficie che dei luoghi delle OSP; fenomeno malauguratamente favorito dall’annosa, storica, mancanza di un sistema di controlli efficace sia ex-ante, da parte dell’Amministrazione, che ex-post, da parte dei Vigili Urbani.  Questo scenario ha causato ormai per i residenti una inaccettabile compressione dei loro diritti costituzionalmente protetti, per la vivibilità e la sostenibilità ambientale e per la loro mobilità.

I residenti si dichiarano perciò nettamente contrari a nuove deroghe, senza che vi sia stato finalmente e prioritariamente il ripristino della legalità e senza l’impianto, finalmente, di un sistema di controlli efficace ed efficiente per l’oggi e per il futuro.

Si dichiarano infine profondamente e nettamente contrari a qualsiasi ipotesi di rendere permanenti le situazioni in deroga, come pare richiesto dal Commercio. Alla fine dello stato di emergenza si dovrà ineludibilmente tornare alla situazione normativa in vigore prima della Pandemia.

Qualora successivamente si ravvisasse la necessità di rivedere tali norme e riesaminare il contesto dei problemi del Commercio nella Città Storica, le Associazioni scriventi chiedono che i Rappresentanti dei Cittadini siano parte costituente delle Sedi di confronto.

Queste le associazioni firmatarie

Italia Nostra Roma
Associazione Carteinregola
Cittadinanzattiva Lazio
Comitato Rione Monti
Comitato Parco delle Finanze Castro Pretorio
Comitato Vivere Trastevere
Associazione Progetto Celio
Comitato Emergenza Trastevere
Associazione Residenti Campo Marzio
Comitato Salute Ambiente Eur
Comitato Abitare Ponte Milvio
Comitato Ambiente e Legalità Ponte Milvio
Comitato per il Decoro Urbano
Comitato Campo dei Fiori e dintorni
Associazione Residenti Trieste-Somalia
Viva San Lorenzo
Comitato Anti movida Piazza Bologna
Comitato Campo de’ Fiori e dintorni
Comitato Città Giardino
Comitato per il Progetto Urbano San Lorenzo e la Salvaguardia del Territorio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...